PORTALE DELLA DIDATTICA
1
AREA ARCHITETTURA
Scheda Istituzionale
 
Presentazione del corso
 
Piano degli studi
 
Guida dello Studente
 
Regolamento didattico del Corso di Studio
 
Dipartimento
 
Collegio
 
Risultati questionari (C.P.D.)
 
Soddisfazione dei laureandi (AlmaLaurea)
 
Condizione occupazionale (AlmaLaurea)
 
Requisiti di ammissione
 
Caratteristiche della prova finale
 
SERVIZI PER GLI STUDENTI
Servizi
 
Tasse e contributi universitari
 
Organizzazione struttura didattica
 
Rappresentanti degli studenti
 
Docenti del Corso
 
Appelli d'esame
 
ALTRE INFORMAZIONI
Modello Informativo SUA-CdS
 
Glossario it-en
 
CORSO DI LAUREA DI 1°LIVELLO in ARCHITETTURA
Anno Accademico 2018/19
DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA E DESIGN
Collegio di Architettura
Sede: TORINO
Durata: 3 anni
Classe di laurea n° L-17: SCIENZE DELL'ARCHITETTURA
Posti disponibili: 500 (70 riservati a studenti stranieri contingentati)
NB: i posti sono condivisi con ARCHITETTURA (ARCHITECTURE) (courses in English)
Referente del corso
LO TURCO MASSIMILIANO   referente.ARCH@polito.it
Corso tenuto in Italiano
 Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea in Architettura|Architecture forma la figura di un laureato triennale con una preparazione culturale in tutti i saperi che tradizionalmente convergono nel campo disciplinare dell'architettura. L'architetto triennale è in grado di "progettare edifici civili semplici con l'uso di metodologie standardizzate" e "di effettuare rilievi diretti e strumentali sull'edilizia attuale e storica", nonché di collaborare al processo proget... Espandi...

Il Corso di Laurea in Architettura|Architecture forma la figura di un laureato triennale con una preparazione culturale in tutti i saperi che tradizionalmente convergono nel campo disciplinare dell'architettura.

L'architetto triennale è in grado di "progettare edifici civili semplici con l'uso di metodologie standardizzate" e "di effettuare rilievi diretti e strumentali sull'edilizia attuale e storica", nonché di collaborare al processo progettuale di architettura alle diverse scale, dall'ideazione alla realizzazione, alla gestione, con capacità di analisi e di elaborazione critica, in studi professionali di progettazione, nel campo della pubblica amministrazione e dell'impresa privata.

Il Corso di Laurea è erogato in due filiere in lingua italiana e in lingua inglese. Lo studente nel secondo semestre del terzo anno ha la possibilità di selezionare corsi e atelier in una delle due filiere, previo superamento dell’esame di lingua inglese per gli studenti della filiera Architettura e di lingua italiana per gli studenti della filiera Architecture.
Il Corso di Laurea è organizzato in sei semestri - con la possibilità di svolgere una parte del percorso formativo all'estero - organizzati secondo “stanze” tematiche:

- ISTRUZIONI | INSTRUCT: primo e secondo semestre
- TERRITORIO | PLACE: terzo semestre
- COSTRUZIONE | BUILD: quarto semestre
- APPROFONDIMENTI | ENQUIRE: quinto semestre
- ESPLORAZIONI | EXPLORE: sesto semestre

La tematizzazione degli anni e dei periodi didattici permette:
- di concentrare l’attenzione dello studente attorno a un tema e cogliere maggiormente le connessioni tra i diversi saperi disciplinari.
- di coordinare gli insegnamenti garantendo un’organicità dell’offerta formativa e una maggiore coerenza didattica.

ISTRUZIONI | INSTRUCT
I primi due semestri sono dedicati all’acquisizione di un quadro iniziale di teorie, metodi e strumenti utili a comprendere e conoscere la complessità del progetto architettonico e dell’architettura proponendo una prima esperienza di relazioni interdisciplinari tra composizione architettonica, tecnologia dell’architettura, disegno e rilievo dell’architettura e tecnica delle costruzioni.

TERRITORIO | PLACE
Il terzo semestre si focalizza sul rapporto che intercorre tra architettura e territorio, attraverso studi e analisi di natura urbana e urbanistica che comprendono elementi di storia dell’architettura e della città moderna.

COSTRUZIONE | BUILD
Il quarto semestre propone un approfondimento culturale e tecnico inerente il rapporto che intercorre tra: progetto e contesto (sito), progetto e verifica di requisiti di benessere e di comfort; progetto e prestazioni strutturali; progetto e attività di costruzione.

APPROFONDIMENTI | ENQUIRE
Il quinto semestre è dedicato a indagare un corpus di conoscenze che spaziano dalle teorie del restauro alle teorie del progetto, passando per le teorie del estimo e del valore immobiliare e che si completa con lo studio della storia della città dall’antichità all’età contemporanea.

ESPLORAZIONI | EXPLORE
Il sesto semestre – unificato per la filiera del Corso di Laurea in inglese e in italiano - offre allo studente la possibilità di selezionare corsi delle discipline affini e integrative e atelier interdisciplinari attraverso cinque percorsi culturali:
1. Urban and Architecture Design – finalizzato ad acquisire competenze su temi urbani, spaziali e tecnici dell’ambiente costruito.
2. Conservation and Restoration – finalizzato ad acquisire competenze su temi di storia, conservazione e tecnici del patrimonio storico.
3. Environment and Building Technology – finalizzato ad acquisire competenze su temi di comfort ed ecocompatibilità connessi alla progettazione microurbana, degli edifici e degli interni.
4. Modelling in the Building Environment – finalizzato ad acquisire competenze su temi rappresentazione dello spazio costruito, di comunicazione multimediale e di modellazione fisica.
5. Architecture Management – finalizzato ad acquisire competenze su temi connessi alla gestione del processo edilizio e di innovazione dalla scala urbana a quella di prodotto.

Il corso di laurea propone agli studenti i possibili abbinamenti tra atelier e insegnamenti, in conformità ai percorsi culturali descritti.

Nei sei semestri l'acquisizione delle conoscenze e delle competenze connesse alla formazione del laureato triennale in architettura si realizza attraverso insegnamenti monodisciplinari, laboratori, atelier multidisciplinari di progetto.

Gli insegnamenti monodisciplinari sono relativi alla cultura di base e tecnica; forniscono inoltre le conoscenze per affrontare le esperienze di progettazione previste negli atelier multidisciplinari.

I laboratori (di disegno e di rilievo architettonico, geomatica e di tecnologia dell’architettura) comportano l’abbinamento tra lezioni frontali ed esercitazioni in squadre, mediante l'utilizzo di attrezzature e/o software specifici.

Gli atelier multidisciplinari sono incentrati sul progetto di architettura, alle diverse scale e con diversi gradi di approfondimento; sono previsti in ciascun anno del percorso formativo. Prevedono l'erogazione di didattica nella forma "tradizionale" di lezioni ex-cathedra, in forma di seminario progettuale e mediante la discussione e l'interazione critica sul progetto con i docenti delle diverse discipline, anche in compresenza.
Gli atelier, a partire dal secondo anno del Corso di Laurea, sono a scelta dello studente, in modo da orientare la formazione in base ai propri interessi. Lo studente deve inserire nel proprio piano di studi uno fra i sei atelier di progettazione previsti nel semestre.

Nel secondo semestre del terzo anno lo studente ha la possibilità di selezionare un corso delle discipline affini integrative e un atelier interdisciplinare, per integrare e approfondire le conoscenze e competenze di base garantite dagli insegnamenti obbligatori del Corso di Laurea nei semestri precedenti. In questo modo lo studente ha la possibilità di approfondire alcuni ambiti disciplinari, al fine di “orientare” il proprio percorso verso la Laurea Magistrale.

A partire dal secondo semestre del secondo anno lo studente inserisce nel piano di studi i crediti liberi (in alternativa a un tirocinio di 300 ore). I crediti sono costituiti da insegnamenti offerti a "catalogo" dall'Ateneo, insegnamenti offerti da altre Università, workshop di progettazione e costruzione nazionali e internazionali, saggi di ricerca e attività in team studenteschi.

 Sbocchi occupazionali e professionali

Attraverso la formazione di una base culturale in tutti i saperi che tradizionalmente convergono nel campo disciplinare dell'architettura, il Corso di Laurea intende fornire competenze e abilità di base relative alla progettazione delle opere architettoniche e alla realizzazione e gestione dei manufatti edilizi. Un corpus di competenze che consente la prosecuzione degli studi in molti corsi magistrali: architettura e urbanistica, design e tecnolo... Espandi...

Attraverso la formazione di una base culturale in tutti i saperi che tradizionalmente convergono nel campo disciplinare dell'architettura, il Corso di Laurea intende fornire competenze e abilità di base relative alla progettazione delle opere architettoniche e alla realizzazione e gestione dei manufatti edilizi. Un corpus di competenze che consente la prosecuzione degli studi in molti corsi magistrali: architettura e urbanistica, design e tecnologia, pianificazione e paesaggio, conservazione e restauro. Attraverso il proseguimento degli studi nelle lauree magistrali in architettura, classe LM4, il corso è parte integrante ed essenziale di un percorso finalizzato alla formazione dell'architetto europeo, ai sensi della Direttiva 2005/36/CEE.

Le competenze acquisite dal laureato triennale in architettura sono inoltre essenziali per l'accesso alla libera professione, previo il superamento dell'esame di stato e l'iscrizione all'Ordine degli architetti nell'elenco B (architetto "junior"). L'architetto triennale rappresenta una figura professionale autonoma in grado di "progettare edifici civili semplici con l'uso di metodologie standardizzate" e "di effettuare rilievi diretti e strumentali sull'edilizia attuale e storica", nonché di collaborare al processo progettuale di architettura alle diverse scale, dall'ideazione alla realizzazione, alla gestione, con capacità di analisi e di elaborazione critica, in studi professionali di progettazione, nel campo della pubblica amministrazione e dell'impresa privata.

Il profilo professionale che il CdS intende formare Principali funzioni e competenze della figura professionale
Tecnico delle costruzioni civili (Architetto junior, iscritto all'albo professionale - elenco B dell'Ordine degli architetti)   FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:

I tecnici delle costruzioni civili padroneggiano con competenza la complessità del processo progettuale e lo gestiscono alle diverse scale; assistono gli specialisti (architetti, ingegneri, ecc.) nella ricerca nel campo dell’architettura e dell’ingegneria civile e nella progettazione di edifici, o di altre opere civili, ovvero applicano ed eseguono procedure e tecniche proprie per disegnare, progettare, sovrintendere alla costruzione e manutenere tali opere, per controllarne gli impianti, gli apparati e i relativi sistemi tecnici e garantirne il funzionamento e la sicurezza. Il tecnico delle costruzioni civili opera anche nel campo della stima e delle valutazioni economiche delle opere edilizie.
L’esercizio della professione di Architetto junior, al quale questo laureato può accedere previo il superamento dell’Esame di Stato, è regolato dalle leggi dello Stato.
E' da notare però che il titolo di "Architetto Junior" è una peculiarità tutta italiana e non è riconosciuto dall'UE, in quanto per il conseguimento del titolo di Architetto sono necessari almeno 4 anni di studi.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:

Il tecnico delle costruzioni civili conosce la storia e le teorie dell’architettura e delle arti correlate e delle scienze umane e applica queste conoscenze per condurre indagini e ricerche di carattere storico e documentario per istruire il progetto, con specifiche competenze anche nel campo delle teorie dell'architettura e delle arti correlate e delle scienze umane.
Possiede abilità nel comprendere le complesse relazioni tra popolazione e costruzioni, e tra costruzioni e ambiente, e le applica per redigere elaborati specifici per i diversi gradi della progettazione urbanistica, architettonica e tecnologica all’interno dei quadri di riferimento amministrativi e legislativi.
Partecipa al processo progettuale attraverso la rappresentazione del progetto con i metodi codificati attuali e storici del disegno di architettura e l’utilizzo delle convenzioni grafiche alle diverse scale, e applica con competenza i metodi di comunicazione grafica e multimediale del progetto.

SBOCCHI PROFESSIONALI:

Insieme alla libera professione, il laureato triennale in Architettura può trovare impiego negli studi tecnici e nelle società di progettazione, negli Enti pubblici preposti alla gestione, al governo, allo sviluppo ed alla salvaguardia del territorio (Regioni, Province, Comuni, Soprintendenze ai Beni Architettonici e Ambientali, ecc.), nelle imprese di costruzione, e in generale in tutti quegli enti pubblici e privati operanti nel campo dell’architettura e dell’ingegneria civile. E' da notare però che il titolo di "Architetto Junior" è una peculiarità tutta italiana e non è riconosciuto dall'UE, in quanto per il conseguimento del titolo di Architetto sono necessari almeno 4 anni di studi.  
Rilevatore e disegnatore di mappe e planimetrie   FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:

Il rilevatore e il disegnatore di mappe e planimetrie:
- esegue e restituisce rilievi e modellazioni architettonici, urbani e territoriali sia dell'esistente sia di nuova realizzazione.
- collabora alla lettura e all’analisi storica dell'architettura e del contesto urbano e territoriale.
- elabora strumenti di comunicazione scritto-grafica e multi mediale del progetto di architettura e di urbanistica.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:

Il rilevatore e disegnatore di mappe e planimetrie possiedono adeguate competenze per assistere gli specialisti nella ricerca nel campo dell'ingegneria civile e nella progettazione di edifici, strade, ferrovie, aeroporti e porti e di altre opere civili, ovvero, conosce e applica strumenti e metodi per rilevare i dati e disegnare le relative planimetrie, prospezioni e mappe, secondo i codici della descrizione e rappresentazione.

Il rilevatore e disegnatore di mappe e planimetrie conosce ed utilizza con competenza i codici del disegno di architettura e di urbanistica, le convenzioni grafiche alle diverse scale ed i metodi di comunicazione grafica e multimediale del progetto ed ha specifiche competenze per applicarli nel campo del disegno tecnico, della modellazione bi e tridimensionale, della progettazione architettonica, e nella esecuzione di elaborati tecnici di dettaglio e di render.

SBOCCHI PROFESSIONALI:

Insieme alla libera professione, il laureato triennale in Architettura può trovare impiego negli studi tecnici e nelle società di progettazione, negli Enti pubblici preposti alla gestione, al governo, allo sviluppo ed alla salvaguardia del territorio (Regioni, Province, Comuni, Catasti NCEU e NCT, Soprintendenze ai Beni Architettonici e Ambientali, ecc.), nelle imprese di costruzione, e in generale in tutti quegli enti pubblici e privati operanti nel campo dell’architettura e dell’ingegneria civile. 


Preparazione per la prosecuzione degli studi Conoscenze necessarie per la prosecuzione degli studi
Il laureato triennale in Architettura/Architecture può proseguire la propria formazione all'interno di Lauree magistrali (secondo livello) nella classe LM-4 Architettura presso il Politecnico di Torino o presso altri Atenei in Italia e all'estero.

In alternativa può seguire un Master di primo livello nei campi attinenti il settore dell'Architettura, e dell'Ingegneria edile e civile.


 
Il corso di laurea, con la sua configurazione in atelier progettuali, attività laboratoriali, insegnamenti monodisciplinari e crediti liberi (workshop, corsi a catalogo di Ateneo, attività in team studenteschi, iniziative legate alla progettualità studentesca) assicura al laureato una preparazione completa che lo mette in grado di affrontare sia percorsi di specializzazione professionalizzanti e volti all'applicazione pratica della dimensione progettuale sia approfondimenti teorico-metodologici.

Per poter accedere a una formazione di secondo livello (master di primo livello o corsi di laurea magistrale) il laureato sarà chiamato a dimostrare una solida preparazione non disgiunta da una capacità critica di analisi, una chiara autonomia di giudizio, unitamente a buone capacità comunicative.
 

Risultati di apprendimento attesi


© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti