PORTALE DELLA DIDATTICA

Ricerca CERCA
  KEYWORD

Il recupero di Borgo Pietro Lupo come spunto di riqualificazione urbana, architettonica e sociale in Sicilia

Parole chiave RECUPERO EDILIZIO,, SOSTENIBILITÀ, ENERGIA, TURISMO, PIANO

Riferimenti GIUSEPPE ANDREA FERRO, VALERIO ROBERTO MARIA LO VERSO, LUCIANA RESTUCCIA

Riferimenti esterni Ing. Angelo Morello ( E.S.A.)

Tipo tesi PROGETTUALE SPERIMENTALE

Descrizione Il bene individuato come candidato al progetto di rilancio è borgo Lupo (CT), nel territorio di Mineo, borgo terminale di un asse di circa 200 km che congiunge Trapani a Catania, definito “la Via dei Borghi”.
Borgo Lupo, costruito tra il 1940 e il 1941 dall’ “Ente Colonizzazione Siciliano del Latifondo” su commissione del governo fascista e su progetto del catanese Filippo Marino, è un singolare esempio di villaggio rurale di architettura anni ’40 di epoca fascista. Borgo di dimensioni contenute, ma con grandi potenzialità per la sua struttura urbana.
Infatti, il valore intrinseco storico-costruttivo-architettonico del borgo è dato da un impianto di rilevante importanza urbanistica, poiché si ispirava al modello “grande” proposto dall’Istituto VE III per la bonifica della Sicilia.
Il progetto mira al recupero del borgo tramite la valorizzazione dell’accesso storico al borgo, caratterizzato da un abbeveratoio ancora presente oggi all’incrocio con la strada provinciale 179, al ripristino e alla riqualificazione delle strutture abitative (fine didattico, accoglienza turistica, ristorazione) e a promuovere le attività legate alla molitura biologica di grani autoctoni ed alla valorizzazione delle piazze originarie ognuna con una propria funzionalità.

Conoscenze richieste Progettazione architettonica, tecnologia dell'architettura, scienza delle costruzioni, fisica tecnica ambientale, sociologia


Scadenza validita proposta 18/06/2020      PROPONI LA TUA CANDIDATURA




© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
Contatti