Modello Informativo SUA-CdS 2021/22

Corso di Laurea Magistrale in ICT FOR SMART SOCIETIES (ICT PER LA SOCIETA' DEL FUTURO) - A.A.2021/22


Università: Politecnico di Torino
Collegio: Collegio di Ingegneria Elettronica, delle Telecomunicazioni e Fisica (ETF)
Dipartimento: DET
Classe: LM-27 - INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI
Esiste nella forma attuale dall'anno accademico: 2015/16
Lingua in cui si tiene il corso: inglese
Indirizzo internet del corso: https://didattica.polito.it/pls/portal30/sviluppo.offerta_formativa.corsi?p_sdu_cds=37:20&p_a_acc=2022&p_header=N&p_lang=IT&p_tipo_cds=Z
Tasse: https://didattica.polito.it/tasse_riduzioni
Modalità di svolgimento: Corso di studio convenzionale
Referenti e Strutture

Referente del CdS: Tiziano Bianchi
Organo Collegiale di gestione del Corso di Studio: Collegio Di Ingegneria Elettronica, Delle Telecomunicazioni E Fisica (Etf)
Struttura didattica di Riferimento: Dipartimento Di Elettronica E Telecomunicazioni
Docenti di riferimento: Carla Fabiana Chiasserini, Giacomo Chiesa, Tao Huang, Emilio Leonardi, Enrico Magli, Michela Meo
Rappresentanti degli Studenti eletti nel Collegio: Giorgio Agnello, Marianna Rita Alfano, Christian Bodo, Feyza Rahime Caliskan, Gerardo Castagno, Jean Carlos Ordonez Herrera, Francesca Potenza
Gruppo di Gestione AQ: Fabrizio Bonani, Emilio Leonardi, Enrico Magli
Tutor: Emilio Leonardi, Enrico Magli, Michela Meo
Il Corso di Studio in breve
Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) stanno diventando ogni giorno di più uno strumento fondamentale in molti ambiti legati alla qualità della vita, quali ad esempio la trasformazione delle città e degli edifici, la produzione e la distribuzione più efficiente dell’energia, la cura (eventualmente domiciliare) dei pazienti, le sfide ambientali e l’ottimizzazione dei sistemi di trasporto. Sono numerosi gli esempi in cui si evidenzia l’importanza delle tecnologie ICT per il nostro futuro e la loro applicabilità a diversi domini del sapere.

Per rispondere a queste esigenze e per creare nuove figure professionali negli anni a venire, il Politecnico di Torino ha fortemente innovato il precedente corso di laurea magistrale in Ing. Telematica. Mentre il precedente CdS aveva una vocazione decisamente specialistica e focalizzata sugli aspetti teorici e di progetto nel settore delle reti di comunicazioni, il nuovo CdS, denominato ICT per la società del futuro, è fortemente multidisciplinare e anche orientato alle molteplici applicazioni delle tecnologie ICT. Il CdS intende formare gli ingegneri in grado di guidare questa rivoluzione e contribuire a definire la società del futuro.

Il corso di Laurea in ICT per la società del futuro mantiene una solida struttura teorica e resta orientato agli aspetti metodologici, di progettazione e sviluppo, e forma ingegneri che coniugano una conoscenza ad ampio spettro delle principali metodologie e tecniche dell'ICT con una capacità di comprendere ad analizzare sistemi complessi di differente natura, quali quelli studiati nell’ambito delle smart grid, dei trasporti intelligenti, del monitoraggio ambientale, della telemedicina e del progetto delle città del futuro.

Il corso di laurea ha come scopo primario la creazione di figure professionali con conoscenze multidisciplinari, capaci di interagire con esperti dei più svariati settori e di fornire le competenze delle tecnologie ICT per operare e dialogare in modo innovativo nei campi applicativi sopra descritti. A tale fine è previsto nell’ambito del corso di laurea una elevata quantità di attività in laboratorio, e un progetto multidisciplinare in cui gli studenti saranno coordinati da esperti di settori scientifici diversi per favorire il dialogo, la cooperazione e la cross-fertilizzazione tra competenze scientifiche oggi fortemente distinte.

Obiettivi formativi qualificanti
I laureati nei corsi di laurea magistrale della classe devono:

- conoscere approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici della matematica e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare;

- conoscere approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici dell'ingegneria, sia in generale sia in modo approfondito relativamente a quelli dell'ingegneria delle telecomunicazioni, nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere, anche in modo innovativo, problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare;

- essere capaci di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi;

- essere capaci di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità;

- essere dotati di conoscenze di contesto e di capacità;

- avere conoscenze nel campo dell'organizzazione aziendale (cultura d'impresa) e dell'etica professionale;

- essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

L'ammissione ai corsi di laurea magistrale della classe richiede il possesso di requisiti curriculari che prevedano, comunque, un'adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali nelle discipline scientifiche di base e nelle discipline dell'ingegneria, propedeutiche a quelle caratterizzanti previste nell'ordinamento della presente classe di laurea magistrale.

I corsi di laurea magistrale della classe devono inoltre culminare in una importante attività di progettazione, che si concluda con un elaborato che dimostri la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e un buon livello di capacità di comunicazione.

I principali sbocchi occupazionali previsti dai corsi di laurea magistrale della classe sono quelli dell'innovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione sia nelle imprese manifatturiere o di servizi che nelle amministrazioni pubbliche. I laureati magistrale potranno trovare occupazione presso imprese di progettazione, produzione ed esercizio di apparati, sistemi e infrastrutture riguardanti l'acquisizione e il trasporto delle informazioni e la loro utilizzazione in applicazioni telematiche; imprese pubbliche e private di servizi di telecomunicazione e telerilevamento terrestri o spaziali; enti di controllo del traffico aereo, terrestre e navale.

Gli atenei organizzano, in accordo con enti pubblici e privati, stages e tirocini.

Attività formative dell'ordinamento didattico


Attività caratterizzanti

Ambito disciplinare Settore Cfu
Min Max
Ingegneria delle telecomunicazioni ING-INF/03 - TELECOMUNICAZIONI
40 60

Attività affini o integrative

Ambito disciplinare Settore Cfu
Min Max
Attività formative affini o integrative ICAR/05 - TRASPORTI
ICAR/06 - TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA
ICAR/12 - TECNOLOGIA DELL'ARCHITETTURA
ING-IND/33 - SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA
ING-INF/01 - ELETTRONICA
ING-INF/05 - SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI
MAT/06 - PROBABILITÀ E STATISTICA MATEMATICA
MAT/09 - RICERCA OPERATIVA
20 36

Altre attività

Ambito disciplinare Settore Cfu
Min Max
A scelta dello studente A scelta dello studente 8 12
Per prova finale e conoscenza della lingua straniera Per la prova finale 18 30
Altre attività (art. 10) Abilità informatiche e telematiche - -
Altre attività (art. 10) Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro - -
Altre attività (art. 10) Tirocini formativi e di orientamento - 12
Altre attività (art. 10) Ulteriori conoscenze linguistiche - 6
Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali - -
Esporta Excel Attività formative