Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2017/18
01PGDPW
Mobilità/Sistemi insediativi
Corso di Laurea in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Dalla Chiara Bruno ORARIO RICEVIMENTO AC ICAR/05 40 20 0 0 2
Staricco Luca ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/20 48 12 0 0 8
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/05
ICAR/20
6
6
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Architettura e ingegneria
Architettura e ingegneria
Presentazione
Obiettivo dell’insegnamento è fornire le basi teoriche, le tecniche, le metodologie e le caratteristiche salienti per comprendere le esigenze di mobilità ed i sistemi di trasporto adatti a soddisfarla, prevalentemente terrestri, da quelli tradizionali a quelli più innovativi, nonché le conoscenze di base sugli strumenti di pianificazione per una gestione integrata e sostenibile della mobilità. Verranno trattati i metodi per organizzare e gestire i servizi di trasporto nonché applicazioni numeriche relative all’esercizio dei sistemi di trasporto, incluse alcune di carattere economico.
Saranno analizzati gli strumenti di pianificazione territoriale finalizzati alla mobilità ed alla programmazione dei servizi di trasporto a disposizione degli attori istituzionali alle diverse scale territoriali, dall’Unione europea alla città, esaminando le loro reciproche interazioni verticali e soprattutto le possibili forme di coordinamento orizzontale con gli strumenti di pianificazione territoriale.
Un’enfasi significativa verrà rivolta alle interazioni del sistema dei trasporti con il territorio ed il suo utilizzo: da un lato, in termini di effetti che la distribuzione degli usi del suolo e la forma degli insediamenti hanno sulla generazione della domanda di mobilità e sulla sua ripartizione modale, dall’altro lato in termini di impatti che i differenti livelli di accessibilità garantiti dal trasporto individuale e collettivo hanno sulle trasformazioni delle diverse parti della città e del territorio.
N.B.: L’insegnamento prevede un percorso apposito per gli studenti stranieri (Erasmus, Bilateral Agreement, Double Degree), in lingua inglese. Nelle diverse sezioni della scheda, quando necessario, tale percorso è preceduto dalla sigla EN (English). Per la versione in inglese della scheda nel suo complesso si rimanda alla versione in lingua della stessa.
Risultati di apprendimento attesi
Lo studente che segue con profitto l’insegnamento acquisisce le conoscenze principali, teoriche ed applicative, relative alla mobilità ed ai vari modi di trasporto, sia di persone che delle merci; acquisisce le basi conoscitive relative alla circolazione stradale ed ai sistemi di trasporto ad impianto fisso, la capacità di gestire e scegliere i sistemi e servizi di trasporto (sono inclusi il trasporto multimodale, intermodale, aereo ed i sistemi di trasporto a carattere più innovativo, ad elevata automazione), con individuate potenzialità e prestazioni, nel rispetto della normativa tecnica vigente; acquisisce conoscenze di tipo teorico e metodologico sulle relazioni tra il sistema dei trasporti e della mobilità e la distribuzione e la trasformazione degli usi del suolo in un territorio.
Le conoscenze teoriche acquisite durante il corso integrato permettono di conoscere i meccanismi di funzionamento del sistema dei trasporti attraverso i suoi servizi, della mobilità delle persone e di sviluppare: a) la capacità di individuare gli strumenti di programmazione dei trasporti, di pianificazione urbanistica e territoriale (nelle loro reciproche interazioni) per gestire la mobilità in un’ottica di sostenibilità; b) la capacità di considerare la tematica della mobilità all’interno di uno schema complesso, in cui territorio ed ambiente interagiscono con i sistemi e servizi di trasporto; c) la capacità di dimensionare un servizio di trasporto; d) la capacità di calcolare gli impatti ambientali, sociali ed economici ed i relativi costi sociali.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
È preferibile la conoscenza degli elementi di base della Fisica, della Meccanica e dell’Elettrotecnica. È richiesta inoltre la conoscenza di base dei principali strumenti di pianificazione territoriale (dalla scala urbana a quella di area vasta), nonché la capacità di utilizzare il software GIS che verrà insegnato contemporaneamente nel primo semestre nel corso di "Analisi urbanistiche e territoriali con strumenti GIS".
Programma
ICAR/05
1. Inquadramento del settore dei trasporti: problematiche energetiche e sostenibilità dei sistemi di trasporto moderni, con particolare riferimento ai sistemi stradali, metropolitani, ferroviari, marittimi, intermodali ed alle nuove soluzioni per la circolazione veicolare, pubblica e privata; esternalità in campo ambientale e nella sicurezza. Classificazione dei sistemi di trasporto, a guida libera e a guida vincolata; evoluzione dei sistemi di trasporto, della mobilità motorizzata e del trasporto delle merci; trasporto pubblico e privato.
2. Sistemi di trasporto terrestri: richiami sulla meccanica della locomozione, diagramma del moto e resistenza al moto di un veicolo; applicazioni pratiche.
3. Trasporto stradale e relative tecnologie.
A. Traffico su strada in condizioni di deflusso ininterrotto ed interrotto, cenni:
- variabili e modelli del deflusso veicolare sui tronchi stradali;
- calcolo della capacità delle infrastrutture stradali: Highway Capacity Manual (HCM); il concetto di LOS (Livello di Servizio).
- le condizioni di circolazione alle intersezioni, principi di base della regolazione semaforica.
B. Introduzione alla telematica per i trasporti e sistemi ITS (Intelligent Transport Systems) nei trasporti stradali: sistemi e tecnologie telematiche per i trasporti; tecnologie di base (telecomunicazioni; localizzazione automatica; identificazione automatica; sistemi di raccolta dati di traffico di veicoli e passeggeri, monitoraggio del traffico e rilievo automatico delle infrazioni; sistemi informativi territoriali); integrazione ed applicazione di tecnologie elettroniche, dell'informazione e delle telecomunicazioni nei sistemi di trasporto e nelle relative componenti.
C. Norme tecniche che hanno effetto sui tipi di trazione e propulsione dei veicoli.
4. Sistemi di trasporto ad impianto fisso:
- prestazioni e parametri fondamentali d’un sistema di trasporto; parametri d’esercizio, consumi ed efficienza energetica, distanziamento delle fermate, velocità commerciale, frequenza dei passaggi, capacità dei veicoli e potenzialità oraria;
- cenni sul segnalamento e la capacità delle linee ferroviarie; automazione; sistemi di sicurezza.
- sistemi di trasporto urbano e metropolitano; sistemi di trasporto innovativi;
- programmazione e gestione del servizio di trasporto metropolitano;
- sistemi ferroviari e tramviari;
- impianti a fune e sistemi di trasporto a guida automatica di derivazione funiviaria nelle varie applicazioni per il trasporto pubblico;
- sistemi a sostentamento magnetico.
5. Servizi di trasporto pubblico
- tradizionali ed a chiamata, su strada; car pooling, car sharing, bike sharing: cenni;
- la qualità del servizio di trasporto e la carta dei servizi.
6. Aspetti economici di base inerenti ai sistemi di trasporto: costi d’esercizio e di gestione.
7. Sistemi di trasporto multimodali, aree di sosta e d’interscambio.
8. Sistemi trasporto intermodali, per le merci:
- sistemi di trasporto intermodali terrestri e trasporto marittimo, cenni
- ottimizzazione nella distribuzione e trasporto.
9. Scelta tra sistemi di trasporto.


ICAR/20

1. IL RAPPORTO TRA SISTEMA DELLA MOBILITÀ E SISTEMA INSEDIATIVO (20 ore)
Le caratteristiche dell’attuale domanda della mobilità a livello italiano ed europeo
I fattori alla base della generazione della domanda di mobilità: gli spostamenti come "funzione" degli usi del suolo
Forma e struttura urbana e pattern di mobilità
La gestione della domanda di mobilità attraverso la pianificazione degli usi del suolo
La territorializzazione delle infrastrutture di trasporto

2. LINEE D’AZIONE PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE (20 ore)
Gli impatti ambientali, economici e sociali della mobilità
Le politiche push e pull per il riequilibrio modale
La strategia delle zone 30
Il ruolo dell’innovazione tecnologica
Le politiche socioculturali per la mobilità sostenibile

3. GLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ’ (8 ore)
Gli strumenti e le competenze delle istituzioni nel settore dei trasporti, dalla scala continentale a quella urbana, con particolare attenzione al Piano urbano del traffico e al Piano urbano della mobilità.
Organizzazione dell'insegnamento
ICAR/05
Nel corso delle esercitazioni vengono affrontate applicazioni numeriche inerenti ad argomenti svolti durante le lezioni. Nel corso dell’insegnamento sono previsti seminari tematici ed una o più visite guidate.

ICAR/20
E’ prevista un’esercitazione della durata di 12 ore circa, da svolgere in gruppi di 4-5 studenti, sull’analisi e integrazione di usi del suolo e infrastrutture di trasporto in corrispondenza di un nodo del Servizio Ferroviario Metropolitano, secondo l’approccio del Transit Oriented Development.

EN: Tutoring and practical works during the semester will be in English for foreign students. Lessons will given in Italian, but slides, specific tutoring and explanations will be given in English. Furthermore, topics of the lessons will be coherent with texts, readings and lecture notes as reported in the subject programme.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
ICAR/05
- Dispense a cura del docente distribuite durante le lezioni, in particolare quelle sui sistemi innovativi per il trasporto metropolitano
- AA. VV. (a cura di Dalla Chiara B.), ITS nei trasporti stradali: tecnologie, metodi ed applicazioni, Ed. EGAF, febbraio 2013 (consigliato)
- Vuhic Vukan R., Urban Transit – Systems and Technology, Wiley, 2007 (per consultazione, opzionale)
- Dalla Chiara B. (2017), Appunti di meccanica della locomozione
- Dalla Chiara B. Pede G., Valentini M.P., Coviello N., Deflorio F. (2017), Trasporti terrestri ed energia - tecnologie, metodi ed applicazioni; Collana Ingegneria dei Trasporti, EGAF, maggio 2017
- Daganzo C. Fundamentals of transportation and traffic operations, Oxford, Pergamon, 1997 (per consultazione, opzionale)
- Olivari, M., Teoria e tecnica del deflusso veicolare, Aracne, 2009 (per consultazione, opzionale)
- Cantarella G. E., Vitetta A., La regolazione di intersezioni stradali semaforizzate. Metodi e applicazioni, 2010 Franco Angeli (per consultazione, opzionale)
- Khisty C.J, Kent Lall B., Transportation Engineering: an introduction, Prentice hall, edizione più recente (per consultazione, opzionale)

ICAR/20
La natura del corso e l’offerta bibliografica attualmente disponibile non consentono di indicare un unico testo di riferimento, e la frequenza di lezioni ed esercitazioni è indispensabile per un efficace processo di apprendimento. Durante lo svolgimento del corso verranno di volta in volta indicati per ogni argomento i testi, in italiano ed in inglese, considerati utili per il completamento della formazione degli allievi. A titolo esemplificativo, parte del materiale trattato a lezione potrà essere recuperato sui seguenti libri di testo:
- BERTOLINI L., Planning the mobile metropolis, London, Palgrave. 2017
- DAVICO L., STARICCO L., Trasporti e società, Carocci, Roma, 2006
- RIGANTI P., Città, attività, spostamenti. La pianificazione della mobilità urbana, Carocci, Roma, 2008.
- SOCCO C., Il piano urbano di mobilità sostenibile. Linee d’azione, indicatori e monitoraggio, Alinea, Firenze, 2009
- SOCCO C., MONTALDO C., La strategia delle zone 30 : sicurezza, multifunzionalita e qualità ambientale delle strade urbane, FrancoAngeli, Milano, 2005
-VITALE BROVARONE E., Città in movimento. Relazioni e dipendenze tra i caratteri degli insediamenti e la domanda di mobilità, Le Penseur, 2010

Ad integrazione dei testi sopra elencati verrà inserito, a cura del docente e sotto forma di dispense, del materiale informativo sul portale della didattica.

EN: for foreign students texts to be studied are the following:
 Bertolini L., (2017). Planning the mobile metropolis. London: Palgrave.
 Levinson D., Krizek K. (2008). Planning for Place and Plexus. Metropolitan Land use and Transport. New York: Routledge.
 GTZ (2004). Land Use Planning and Urban Transport. http://www.sutp.org/en-dn-th2
 GTZ (2009). Transportation Demand Management. http://www.sutp.org/en-dn-th2
Concerning specific topics, ad hoc material in English (articles, reports, etc.) will be uploaded on the Politecnico web site (teaching portal).
Criteri, regole e procedure per l'esame
La valutazione complessiva è data dalla media delle valutazioni, espresse in trentesimi, delle due parti di cui è composto l’esame.

ICAR/05
L’esame di profitto consiste in un test a risposta multipla sui temi di teoria e applicazioni numeriche affrontate nell’ambito dell’insegnamento, con una successiva breve prova orale di verifica sul programma svolto. Il test richiede indicativamente 45’ e non prevede l’uso di altro materiale al di fuori del test distribuito dal docente, di una penna o biro e di una calcolatrice; per accedere all’orale occorre raggiungere la sufficienza nel testo (18/30); il voto finale tiene conto del voto del test e della prova orale, non come media esatta.

ICAR/20
L’esame consiste in una prova scritta (della durata di 90 minuti) di tre domande aperte sulle tematiche affrontare a lezione; non prevede l’uso di altro materiale al di fuori del test distribuito dal docente e di una penna. La valutazione del test scritto peserà per tre quarti sul voto finale; la valutazione della relazione prodotta nell’ambito dell’esercitazione peserà per il restante quarto.

EN: Evaluation of the interim works that students have prepared during the semester and interaction with the professor while working and in debating the topics of the lessons will be the basis for evaluating the student’s learning during the semester and at the final exam.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2017/18
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti